HOD O’BRIEN “Blues Alley – First Set & Second Set” – Reservoir (2004)

Eccone un altro. Intendo di quelli sottovalutati, o peggio ignorati del tutto. Stiamo parlando di un uomo di oltre settanta anni che molto ha contribuito all’affermarsi del bebop negli anni ’50...

Continue reading

PRENOTA IN ANTEPRIMA ESCLUSIVA IL TUO SUMMER FESTIVAL 2005!!

Dal 27 aprile al 6 maggio Solo per i soci Gold della nostra Community, l'esclusiva prelazione e prenotazione per biglietti e abbonamenti del prossimo Ancona Jazz Summer Festival....

Continue reading

ROBERTO MAGRIS EUROPLANE “Check-In” – Soul Note (2003)

Sarebbe interessante far ascoltare “Check-In” in un blindfold test: ne sentiremmo delle belle! Questo, infatti, è uno dei dischi “made in Europe” più americani che abbia sentito...

Continue reading

TONY BENNETT “The Art Of Romance” – Columbia (2004)

Ascolto quest’ultimo disco del più grande cantante del mondo con colpevole ritardo ma, chissà come e perché, il CD era finito proprio in fondo a una pila altissima nel periodo natalizio.

Continue reading

SHELLY BERG “Blackbird” – Concord (2003)

Shelly Berg ha due difetti. Il primo, grave, è che suona benissimo un jazz privo di complicazioni cerebrali.. Il secondo, gravissimo e imperdonabile, è di non essere drammatico, ma di trasmettere invece piacevoli sensazioni di ottimismo e di serenità.

Continue reading

Andrea Pozza Trio. Una dose di gioia

Un balsamo per le orecchie e per lo spirito. Una dose di gioia e swing, elettricità. Il concerto di Andrea Pozza Trio domenica sera nel Ridotto delle Muse non è stato cosa da poco... (di Claudia Gentili)

Continue reading

DAVID “FATHEAD” NEWMAN “I Remember Brother Ray” – HighNote (2004)

Tra i molti e recenti tributi a Ray Charles non poteva mancare il ricordo discografico del musicista più vicino a “The Genius”, colui che ne ha condiviso per anni la vita e la musica: il tenorsassofonista e flautista David “Fathead” Newman.

Continue reading

MATT WILSON “Wake Up! (To What’s Happening)” – Palmetto Records (2004)

Non fermatevi alla copertina – orrenda – di questo CD. Sembra un disco rock psichedelico degli anni ’60, mentre nasconde una seduta di jazz quanto mai ispirato e intelligente, originale pur essendo calato nel grande solco della tradizione.

Continue reading

PIANO JAZZ TRIO, CHE PASSIONE!

Più volte si è scritto sull’importanza del trio piano-basso-batteria nella storia, ma potremmo dire, nell’economia del jazz. È formazione tipicamente jazzistica, che ha contribuito all’evoluzione di questa musica...

Continue reading

JAZZMATES feat. PATTI WICKS “Basic Feeling” – JazzGuests (2004)

Signore e signori, prego: massima attenzione. La cantante che vi presento non è brava né bravissima, ma una fuoriclasse, di quelle che dopo un paio di battute ti hanno già catturato l’anima e il cervello.

Continue reading