Ancona Jazz The Finest in Jazz since 1973

DENA DeROSE “A Walk In The Park” – MaxJazz


La nostra cantante preferita ha registrato questo disco un paio di mesi dopo le tre giorni (o meglio, notti) di Ancona Jazz Summer Festival 2004, quando fornì prove entusiasmanti in diverse situazioni, solo, duo e trio. Conoscevamo già pertanto qualche brano del CD, ma la sensazione di scoperta, emozionante e da brividi, è rimasta intatta. 

 

Accanto ad un bassista semplicemente strepitoso per intonazione, suono e capacità di “entrare” nel pezzo come Martin Wind (non per nulla compositore di gran qualità), e un batterista senza rivali per fantasia ritmica qual è Matt Wilson, Dena si esalta perché sa che può andare dovunque le comandi il suo cuore.

Perle dimenticate (“All My Love” di Al Jolson, 1947; “The Lonely Ones” di Duke Ellington) si accompagnano a standard completamente reinventati (vedi “How Deep Is The Ocean”, che Dena propose già nel suo primo disco, “Introducing”, del 1996), a una canzone pop molto amata (“Imagine” di John Lennon, stravolta sul piano armonico) e a tre originali straordinari di cui il mio preferito è, di pochissimo però, “In The Glow Of The Moon”, con il testo di Meredith D’Ambrosio, altra pianista cantante che, se vi è sconosciuta, raccomando con urgenza.

La “passeggiata nel parco” è un brano strumentale dedicato all’indimenticabile, grande pianista, James Williams. Se Dena è cantante dal talento unico, in grado di coniugare swing ed emozione in maniera personalissima, non va sottaciuta la sua perizia al pianoforte, di estremo interesse sia nel comping che nel solo, saggio di come il jazz dovrebbe sempre essere, cioè guardarsi indietro per andare avanti.

Ma lascio volentieri alla vostra sensibilità il piacere dell’ascolto di questa artista superiore, di captarne gli umori e la creatività, di commuovervi fino agli occhi lucidi (a me è successo).

Inarrivabile.

 

Massimo Tarabelli

DENA DE ROSE

Link utili:
MAX JAZZ Official website


Post a comment

sette + cinque =

*