Ancona Jazz The Finest in Jazz since 1973

Tutto “Ancona Jazz in Club”

Alla vigilia del tradizionale concerto gospel (mercoledì 22 p.v. al Teatro delle Muse con “Louisiana Gospel Choir”), vale la pena ripercorre a volo d’angelo i sette concerti che Ancona Jazz in Club ha proposto in questo autunno, prevalentemente a “Lascensore”, ma anche da “Enopolis” e all’Hotel Emilia: occasioni, tra l’altro, per lanciare la “community” di Ancona Jazz, sorta d’associazionismo virtuale, capace di assicurare vantaggi e agevolazioni ai suoi membri. (Per iscriversi, basta andare alla nostra newsletter)

In sintesi estrema:


Max Ionata:
quando il jazz diventa didattica. E chi altri, se non il nostro poderoso tenorsassofonista, avrebbe il coraggio di presentare la “Freedom Suite” integrale di Sonny Rollins, in trio senza pianoforte?


Alan Farrington (foto in alto): una voce soul inglese innamorata pazza di Frank Sinatra. E se dietro c’è Andrea Pozza al pianoforte e lo stellare duo ritmico Milanese/Bandini (sembravano Walter Booker/Jimmy Cobb!), tutto è possibile.


Barbara Casini (foto al centro): chi l’ha detto che bisogna esser brasiliane per interpretare Chico Buarque. La poetica sanguigna dell’uno incontra la voce dolente e matura dell’altra, e la meravigliosa chitarra di Sandro Gibellini a tesser trame preziose.


ManoManouche: Django Reinhardt ma non solo, nella gioia del trio titolato in Italia a “rappresentare” il maestro gitano della chitarra. Ti ritrovi senza volerlo, durante e a fine concerto, con il sorriso sulle labbra.


Steve Kuhn (foto in basso): il più grande. Perché il suo pianismo incrocia impressionismo lirico e densità di fraseggio, interpretazione personale e qualità di scrittura. La sua prima ora di musica, con la coppia Mraz/Baron, rimarrà scolpita nella memoria, e nel cuore.


Irio de Paula: padre e figlio in uno scambio di note ed emozioni. La velocità del secondo trova linfa dalla geniale sobrietà del primo: due generazioni di chitarre acustiche a confronto, e bossanova al massimo.


Luigi Tessarollo: altra chitarra, altro mondo. Che è quello degli standard americani, ma anche delle canzoni italiane in jazz. Con dietro un Ron Vincent che sarà difficile non citare tra i migliori batteristi per trio.


 (Andrea Piermattei)

Post a comment

10 − otto =

*