Ancona Jazz The Finest in Jazz since 1973

Dal libro “Jazz Anecdotes” di Bill Crow

Parker si aggregò all’orchestra di Jay McShann e insieme andarono a New York. McShann ricorda bene quei giorni:
Venne il momento per Bird di prendere il suo assolo e, come sapete, aveva i piedi in cattivo stato. Spesso gli facevano male. Così si avvicinò al microfono senza scarpe. Mi chiesi perché il pubblico stesse ridendo, ma era ovvio, aveva le calze bucate e l’alluce di fuori.

Jimmy Forrest era il compagno di camera nel periodo dell’orchestra di McShann:
A quei tempi, nel 1940, se pagavi quindici dollari per una camicia, quella era una ottima camicia. Io fui fortunato abbastanza nel risparmiare un po’ di denaro, e ne comprai tre, a quindici dollari l’una. Erano parecchi soldi, soprattutto se si considera che guadagnavamo solo sette dollari a sera, giusto? Le feci vedere a Bird, in camera, e lui disse, “Belle, qual è la mia?”
Era un ragazzo di così bell’aspetto che non gliela potevo certo rifiutare.

McShann si lamentò con Parker sul fatto che fosse il musicista peggio vestito dell’orchestra. Parker gli rispose, “Hootie, ti piacerebbe se salissi sul palco vestito come un dottore e suonassi come un dottore?”

Ben Webster lo sentì suonare e poi riferì a tutti i sassofonisti della 52ma Strada, “Tutti voi, che pensate di saper suonare il sassofono, fareste bene ad andare a sentire la band di Jay McShann. C’è un piccoletto con lui al sax alto. Ascoltatelo e imparate.”  Ben ci disse che si sarebbe nascosto tra il pubblico per non farsi vedere. Alla fine, i musicisti se ne andarono alla chetichella, evitandosi l’uno con l’altro!

Post a comment

5 + 17 =

*